Tossicodipendenza e Droghe

La parola “tossicodipendenza” include tutte le dipendenze da sostanze sintetiche o naturali quali ad esempio droghe, farmaci, alcol ecc…

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, “droga” è “qualsiasi sostanza che, introdotta in un organismo vivente, può modificarne una o più funzioni”.

Parliamo di sostanze illegali (droghe) e legali (farmaci e alcol) che una volta introdotte nell’organismo, generano una vera e propria dipendenza sia a livello mentale che fisico.

Vista la molteplicità delle droghe, la loro classificazione può essere diversa a seconda delle logiche che si vogliono adottare. Si può però fare almeno 3 differenziazioni basilari:

  1. sostanze che deprimono il sistema nervoso centrale (alcol, oppiacei, psicofarmaci…)
  2. sostanze che stimolano il sistema nervoso centrale (alcuni antidepressivi, cocaina…)
  3. sostanze stimolanti e che hanno effetti allucinogeni (ectasy, anfetamine…)

 

Dal punto di vista psicologico, si cerca di spiegare il motivo per cui, nonostante il soggetto sia consapevole di quanto certe sostanze siano dannose, egli continui nel l’uso ed abuso.

Una certa predisposizione genetica o biochimica alla dipendenza da sostanze, come una sorta di malattia ereditaria, piuttosto che uno sfasamento a livello del sistema nervoso centrale ed un conseguente malfunzionamento dei neuroni cerebrali che generano una sensazione di piacere della quale risulta difficile fare a meno, sembrano essere le motivazioni più possibili.

In ogni caso, chi ricorre all’abuso di certe sostanze, lo fa perchè ne è psicologicamente condizionato.

Dal punto di vista fisico si instaura invece un progressivo adattamento dell’organismo al principio attivo di tali sostanze ed una conseguente tolleranza che ci porterà a dover consumare dosi sempre maggiori per ottenere lo stesso effetto. L’improvvisa interruzione dall’assunzione genera invece la cosiddetta crisi d’astinenza.

Descritti gli effetti delle sostanze d’abuso, sia livello psicologico che fisico, è facile intuire come la tossicodipendenza influisca sulla nostra persona in maniera del tutto devastante: difficoltà di apprendimento, riduzione delle più basilari abilità quotidiane (lavoro, guida ecc), continui sbalzi d’umore ed atteggiamento antagonista verso coloro che ci sono accanto.

Se da un punto di vista medico risulta relativamente semplice sostituire con dei farmaci (in modo decrementale) gli effetti sul fisico che le sostanze d’abuso creano, è invece molto più complesso intervenire a livello psicologico per spezzare quella dipendenza che non ci permette di interrompere l’assunzione delle sostanze.

Il profilo psicologico dei tossicodipendenti è infatti l’aspetto più complesso su cui agire.

In questo contesto l’intervento di uno specialista può risultare indispensabile al fine di comprendere i motivi psicologici che agiscono sulla psiche ed intervenire affinchè la sua si liberi da ciò che oramai è divenuta una vera e propria prigionìa.

Articoli su Tossicodipendenza Droghe